Bimestrale di informazione economica

 
Home page
Presentazione

Arretrati e abbonamenti

E-mail

Archivio

Riviste
Argomenti
Ricerca semplice
Ricerca avanzata
News

 

9/2/2010 – Insediata la Consulta regionale per l'immigrazione

 

L’importanza che la Regione riconosce all’accoglienza verso le persone che giungono in Sardegna da altri Paesi è stata messa in rilievo dall'assessore regionale del Lavoro, Franco Manca, nel corso della seduta di  d’insediamento della Consulta regionale per l’immigrazione, da lui presieduta.
La Consulta – precisa un comunicato – ha il compito di sovrintendere le azioni operative da mettere in campo. Quest’anno, l’assessorato del Lavoro mette a disposizione un milione e 200mila euro per supportare le Province (delegate per legge alla gestione dei rapporti con il mondo dell’immigrazione) e realizzare studi e progetti. Rispetto al 2009 – evidenzia la nota – c’è una novità: l’attività di ricerca sarà svolta dalla struttura dell’Assessorato, e non più in convenzione con l’esterno.
«La scheda a punti, condizione indispensabile posta dal Governo, prevede tra le condizioni necessarie la conoscenza della lingua italiana – ha ricordato Manca –. Esistono dei fondi che saranno destinati per istituire dei corsi d’italiano riservati agli immigrati. Più in generale, è precisa volontà di questa Amministrazione che le risorse ricadano interamente sui destinatari finali e non sugli intermediari».
Tra le risorse disponibili vanno citati il Por Sardegna 2007-2013 (un milione 500mila euro di fondi Ue per le annualità 2007, 2008 e 2009 per “progetti per il coordinamento delle politiche europee in materia di immigrazione”) e il Fondo sociale europeo.
Durante la seduta – conclude la nota – sono state fatte alcune richieste: verifica delle condizioni di salute e di vita degli immigrati residenti in Sardegna, puntuale rendicontazione delle attività svolte dalle province, attivazione dello Sportello unico per l’immigrazione.